Libra la moneta di Facebook per la democrazia

Libra è la moneta di Facebook lanciata proprio in questi giorni da Mark Zuckerberg. Potete leggere il post originale qui sotto.
Ma cosa è Libra e perché Facebook crea una sua moneta? La criptovaluta di Facebook sarà come i Bitcoin: alta volatilità e rischio? Chi garantirà e come dal suo utilizzo e sulla privacy delle transazioni? Come e per cosa potremo utilizzare Libra come nuova moneta virtuale?
Cerchiamo qui di dare le prime risposte a questa e ad altre domande. Proviamo di comprendere che rivoluzione ci prospetta l’introduzione della criptovaluta di Facebook.

Mark Zuckerberg annuncia il lancio di Libra:

Libra la moneta virtuale veloce, facile e sicura

Il video di presentazione di Libra è davvero di impatto. I tre aggettivi utilizzati per definire la moneta virtuale sono: semplice, veloce e sicura. Una soluzione a cosa di solito ci si aspetta da una moneta e quali sono le paure associate ad una criptovaluta.
Libra la moneta di Facebook è per tutti. Libra è semplice da utilizzare come il tuo telefono. Libra è veloce perché ovunque tu sia ti basta uno smartphone per usarla. Libra è sicura perché usa la tecnologia blockchain.
Questi i messaggi più forti presenti nel video emozionale sulla criptovaluta di Facebook.

Questi sono quindi i focus sui cui punta Facebook per lanciare la sua moneta. Il video mette a confronto classi sociali e luoghi di tutto il mondo. Libra è per tutti e promette una rivoluzione. Non a caso nel video si vedono protagonisti prevalentemente di classi e paesi poveri. Non a caso Libra si rivolge a 1,7 miliardi di persone che non hanno un conto bancario. Per ora…

Il messaggio chiave è semplice:

Libra la moneta di Facebook per chi non ha un conto corrente

Dal sito dell’associazione Libra leggiamo in grande evidenza:

A simple global currency and financial infrastructure

that empowers billions of people.

Quindi l’obiettivo iniziale dell’associazione Libra è molto chiaro. Offrire un servizio a basso costo alle persone tagliate fuori da servizi finanziari. La mission dell’associazione prevede tre punti chiave:
  1. Reinventare la moneta
  2. Trasformare l’economia globale
  3. Permettere a tutti di vivere meglio

Un misto di risposte concrete e leve emozionali. Un mix emotivamente potente e coinvolgente basato però su problemi molto concreti.

I servizi finanziari presentano barriere legate a difficoltà tecniche di utilizzo e costi. In alcuni paesi i costi di utilizzo sono elevatissimi, in altri sono costi mal visti perchè non sembrano controbilanciare i servizi offerti. Libra la moneta di Facebook promette di eliminare tali barriere per tutti al mondo. Una sfida notevole, non c’è che dire, per una criptovaluta.

Libra è una moneta virtuale sicura?

«Il mondo ha bisogno di una valuta globale, nativa digitale, che possa integrare tutte le qualità delle migliori valute globali: stabilità, bassa inflazione, accettazione globale e fungibilità»
Questa è la motivazione che troviamo nel white paper rilasciato dall’associazione che descrive nei dettagli le finalità del progetto “Libra la moneta di Facebook“. Già da queste poche righe scopriamo come essa nasca con i migliori auspici.

 

Quali sono principali caratteristiche finanziarie di questa moneta.

La criptovaluta di Facebook sarà nativa digitale e quindi interamente progettata per internet. Non vedrà soluzioni cartacee di alcun tipo. Libra si potrà utilizzare esclusivamente da cellulari e computer. Per molti ciò sarà una vera rivoluzione, per altri invece una vera e propria liberazione.
La moneta di Facebook sarà agganciata ad un panel di monete internazionali con cambio fisso, sarà una moneta stabile. Inoltre la moneta avrà depositi in controvalore equiparabili alla liquidità emessa. Ciò la renderà estremamente sicura. Non basterà ad esempio una crisi nazionale per modificare il suo valore di cambio. Una moneta mondiale, agganciata alle più forti economie al mondo e con solidi depositi economici avrà bassa inflazione. È evidente. Libra è la moneta di Facebook, è evidente, ma coinvolge subito i più grandi player mondiali. Sono presenti nel panel dei fondatori partner tecnologici, finanziari e no profit. Tutto ciò che serve per essere sin da subito un successo. Tutto ciò che serve perchè Libra non sia già più semplicemente la moneta di Facebook.

 

La criptovaluta di Facebook che ridisegna il futuro

L’associazione Libra dichiara di voler utilizzare la tecnologia blockchain per garantire la sicurezza. Di fatto le chiavi di sicurezza (i codici che permettono di criptare la valuta e renderla sicura) saranno distribuite tra gli utilizzatori. Più utilizzatori ci saranno più sarà sicura, come i Bitcoin. Inoltre il know-how e la gestione non sarà centralizzata. Dal quinto anno Libra dichiara che la gestione della blockchain sarà completamente aperta. Infine Libra viene definita la moneta di Facebook, ma come abbiamo detto non è già così. L’associazione ha tra i fondatori i maggiori player tecnologici e finanziari al mondo. Possono però associarsi altri, è cioè aperta e sono già entrate in essa numerose no profit. Inoltre Libra promette di mantenere separati l’uso dei dati tra Facebook e la moneta. I wallet, i portafogli di Libra, saranno esclusivamente digitali. Si potranno effettuare pagamenti via Messenger, Whatsapp e una specifica app in sviluppo. Insomma Libra di fatto non è più la moneta di Facebook, ma una vera e propria moneta globale….e non è ancora nata.

Libra, guerra alle banche?

È innegabile quindi che l’obiettivo di Libra sia un’aperta guerra alle banche. Ma perchè diciamo ciò? Ecco le motivazioni di una guerra non dichiarata alle banche mondiali:

  1. Gestione orientata al no profit, che utilizzerà gli utili per abbattere i costi di gestione
  2. Aggredire subito il mercato di chi non ha un conto corrente
  3. Sicurezza e facilità di utilizzo tramite Facebook e Whatsapp

Libra in quanto moneta di Facebook mira ad essere pervasiva.

Mira ad entrare nella vita quotidiana di tutti con estrema semplicità. Mira a sostituire nella mente degli utenti il rischio con la sicurezza. Si presenta sul mercato con un potere economico e comunicativo che nessuna banca al mondo ha. Insomma possiamo definire Libra la moneta di Facebook come un vero attacco frontale del social network alle banche ed al mondo finanziario. Era nell’aria, come è nell’aria un’azione simile e parallela di Amazon e di Google. La criptovaluta di Facebook arriva prima ed in maniera dirompente.

La moneta virtuale di Facebook partirà nel 2020. Libra già oggi però promette di rivoluzionare il futuro economico e rimanere nella mente delle persone come la moneta di Facebook . Ci riuscirà? Sarà vero successo o un semplice progetto di comunicazione e marketing? Noi propendiamo per la prima opzione e quindi pronostichiamo un ampio e dirompente successo. Facile vista la potenza di fuoco dietro Libra. Non ci resta che attendere qualche mese.